News

Logical System e Industria 4.0

Sebbene non sia disponibile ancora una definizione del tutto esauriente del fenomeno Industria 4.0, tendenzialmente gli analisti  la descrivono come un processo che porterà ad una produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa. Secondo un recente rapporto della multinazionale di consulenza McKinsey, le nuove tecnologie digitali avranno un impatto profondo nell'ambito di quattro direttrici di sviluppo: la prima riguarda l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività, e si declina in big data, open data, Internet of Things, machine-to-machine e cloud computing per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione. La seconda è quella degli analytics: dai dati raccolti, bisogna ricavarne valore. Oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, ovvero dalle macchine che perfezionano la loro resa,  “imparando” dai dati raccolti e analizzati.  La terza direttrice di sviluppo è l’interazione tra uomo e macchina e la realtà aumentata:  ad esempio l’utilizzo di nuovi strumenti come i Google Glass che consentiranno di  migliorare le proprie prestazioni sul lavoro. Infine c’è il passaggio dal digitale al “reale”, che comprende la manifattura additiva, la stampa 3D, la robotica, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni. 

I cambiamenti del mercato del lavoro con l’Industria 4.0

La quarta rivoluzione industriale che stiamo vivendo e da cui scaturisce l’Industria 4.0 influirà ovviamente anche sul mercato del lavoro. Dalla ricerca "The Future of the Jobs" presentata al World Economic Forum è emerso che uno degli effetti dell’Industria 4.0 sarà la creazione nel mondo di 2 nuovi milioni di posti di lavoro, ma contemporaneamente ne spariranno 7 milioni.  L’Italia dovrebbe ottenere un pareggio (circa 200 mila posti creati e altrettanti persi). Le perdite maggiori riguarderanno le aree amministrative e la produzione, mentre nuove figure professionali verranno richieste nell’area finanziaria, nel management e nell’ingegneria informatica. Il pensiero critico e creativo sarà la skill più ricercata.  

Lo scenario futuro

Lo scenario è in rapida evoluzione e dobbiamo quindi attrezzarci per adeguarci e cogliere i benefici, tra i quali l’aumento del trend di crescita e della flessibilità, il miglioramento della produttività, la creazione di nuovi modelli di business; in altre parole con il nuovo paradigma dell’Industria 4.0, le aziende possono finalmente tornare ad essere competitive.

L’Italia ha sviluppato un “Piano nazionale Industria 4.0 2017-2020” che prevede misure concrete per stimolare gli investimenti innovativi, assicurare infrastrutture abilitanti, creare competenze e stimolare la ricerca, diffondere la conoscenza e garantire una governance pubblico-privata per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. La legge di stabilità approvata lo scorso 7 dicembre 2016, ha introdotto un iper-ammortamento al 250% per gli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione. Si tratta di una nuova agevolazione legata all’acquisto di beni che “favoriscono i processi di trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave Industria 4.0”.

In un tale e complesso scenario, noi di Logical System siamo al fianco dei nostri partners che intendono approfittare delle nuove tecnologie digitali per promuovere ed adeguare le proprie attività imprenditoriali. Insieme potremo infatti affrontare le sfide che ci attendono nei prossimi anni, con soluzioni avanzate in grado di rispondere alle esigenze che i veloci cambiamenti richiedono nello sviluppo di nuovi business. 

Questo sito utilizza i cookie per offrirti il miglior servizio possibile. Utilizzando il ns. sito, acconsenti all’uso dei cookie. Per approfondire, clicca qui.